VIA COL VENTO

Gone with the Wind - USA - 1939 - Metro Goldwyn Mayer


Home Cast Trama Recensione Premi
Foto Gallery Soundtrack Info Film Video Clip Indice film





Crediti


Regia: Victor Fleming
Produzione: David O. Selznick
Sceneggiatura: Sidney Howard
(dal romanzo di Margaret Mitchell)
Fotografia: Ernest Haller Musica: Max Steiner
Montaggio: Hal C. Kern, James E. Newcom
Suono: Thomas T. Moulton, Frank Maher
Scenografia: William Cameron Menzies, Lyle R. Wheeler
Costumi: Walter Plunkett
Casting: Maxwell Arnow
Effetti speciali e visivi: Jack Cosgrove

Non accreditati:

Sceneggiatura: Ben Hecht, David O. Selznick, Jo Swerling, John Van Druten
Musica: Adolph Deutsch, Hugo Friedhofer, Heinz Roemheld, William Axt, Franz Waxman
Fotografia: Lee Garmes
Arredamento: Howard Bristol
Trucco: Monte Westmore
Regia della II unità: Peter Ballbusch, B. Reeves Eason, James A. FitzPatrick, Chester M. Franklin, William Cameron Menzies, John Sherwood







Cast



Clark Gable ...................................................Rhett Butler
Vivien Leigh ...........................Scarlett (Rossella) O'Hara
Leslie Howard ............................................Ashley Wilkes
Olivia de Havilland ..............................Melanie Hamilton
Thomas Mitchell ........................................Gerald O'Hara
Barbara O'Neil .............................................Ellen O'Hara
Evelyn Keyes ............................................Suellen O'Hara
Ann Rutherford ........................................Carreen O'Hara
George Reeves ..........................................Stuart Tarleton
Fred Crane .................................................Brent Tarleton
Hattie McDaniel ......................................................Mamy
Oscar Polk ...................................Guardiano del bestiame
Butterfly McQueen ...................................................Prissy
Victor Jory ...............................................Jonas Wilkerson
Everett Brown ......................................................Big Sam
Howard C. Hickman ......................................John Wilkes
Alicia Rhett ...................................................India Wilkes
Rand Brooks .........................................Charles Hamilton
Carroll Nye ..............................................Frank Kennedy
Laura Hope Crews .......................Aunt Pittypat Hamilton
Eddie 'Rochester' Anderson .....................................Peter
Harry Davenport ...............................................Dr. Meade
Leona Roberts ................................................Miss Meade
Jane Darwell .............................Miss Dolly Merriwether
Ona Munson ................................................Belle Watling
Paul Hurst ...........................................................Disertore
Isabel Jewell ..............................................Emmy Slattery
Cammie King .....................................Bonnie Blue Butler
Eric Linden .........................................................Amputato
J.M. Kerrigan ......................................Johnny Gallagher
Ward Bond .................................................................Tom
Jackie Moran ..................................................Phil Meade
Cliff Edwards ..................................Soldato che racconta
Lillian Kemble-Cooper ..................................Governante
Yakima Canutt ...................................................Rinnegato
Marcella Martin .....................................Cathleen Calvert
Louis Jean Heydt ....................................Soldato affamato
Mickey Kuhn .............................Guidatore della carrozza
Olin Howlin .......................................Speculatore yankee
Irving Bacon .......................................................Caporale
Robert Elliott .......................................Maggiore nordista
William Bakewell ..........................Ufficiale di cavalleria
Mary Anderson .............................Maybelle Merriwether

Non accreditati in ordine alfabetico:

Eric Alden, John Arledge, Roscoe Ates, Trevor Bardette, Ralph Brooks, Daisy Bufford Ann Bupp, James Bush, Ruth Byers, Gary Carlson, Louise Carter, Eddy Chandler, Wallis Clark, Frank Coghlan Jr., Gino Corrado, Martina Cortina, Luke Cosgrave, Kernan Cripps, Ned Davenport, Lester Dorr, Phyllis Douglas, Joan Drake, F. Driver, Edythe Elliott, Frank Faylen, Kelly Griffin, George Hackathorne, C. Hamilton, Evelyn Harding Inez Hatchett, Jean Heker, Shep Houghton, Si Jenks, Tommy Kelly, W. Kirby, William McClain, George Meeker, Alberto Morin, Adrian Morris, Lee Murray, H. Nellman, David Newell, N. Pharr, Lee Phelps, Jolane Reynolds, Marjorie Reynolds, Suzanne Ridgeway, Azarene Rogers, Tom Seidel, Terry Shero, William Stack, William Stelling, Harry Strang, Phillip Trent, Julia Ann Tuck, Tom Tyler, Fred Warren, Blue Washington, Rita Waterhouse, Sarah Whitley, Ernest Whitman, Guy Wilkerson, Zack Williams, John Wray




Dati tecnici e specifici


Genere:
Drammatico

Durata del film:
3h, 58 min.

Formato della pellicola:
35 mm in Technicolor (70 mm 1967)

Data di uscita:
15 Dicembre 1939
I riedizione 1967 (70 mm)
II riedizione 1983

Luoghi delle riprese:
USA

Video sul mercato:
DVD - lingua italiana
Cofanetto a 4 dischi della Warner Video; per il primi due il film e per gli altri inserti speciali divisi singolarmente per contenuti del film e del cast. Esiste anche in versione singola, in 'double face', sempre della Warner Video, ma privo di extra.
VHS - lingua italiana
Esistono diverse edizioni della videocassetta, tutte fuori catalogo ma reperibili in Internet nel mercato dell'usato o attraverso diffusioni allegate a giornali e riviste, come, ad esempio, quella relativa all'inserto DeAgostini.







Riconoscimenti artistici


PREMIO OSCAR - USA
Film
Regia
Attrice (Vivien Leigh)
Attrice non protagonista (Hattie McDaniel)
Sceneggiatura
Fotografia
Montaggio
Scenografia e Arredamento

Nomination all'Oscar
Attore (Clark Gable)
Attrice non protagonista (Olivia de Havilland)
Musica
Effetti speciali e visivi
Suono

NEW YORK FILM CRITICS CIRCLE AWARDS - USA
premio Attrice (Vivien Leigh)

NATIONAL FILM PRESERVATION BOARD, USA
1989 Restaurazione della pellicola

PEOPLE'S CHOICE AWARDS - USA
1989 premio Primo film di dieci di ogni tempo

PHOTOPLAY AWARDS - USA
Medaglia d'onore Produzione (David O'Selznick)








Trama


allarga l'immagine allarga l'immagine

A Tara, ricca piantagione della Georgia, Rossella O' Hara, giovane ragazza del posto ha nel cuore suo cugino Ashley, ma riceve da questi la notizia che presto egli sposerà Melania, della quale è fortemente innamorato. Per tutta risposta Rossella sposa il primo pretendente che però muore in battaglia. Difatti, la guerra di secessione tra Nord e Sud è ormai in atto. Anche Ashley parte per il fronte e Rossella rimane con Melania che nel frattempo ha avuto un bimbo.
Compare Rhett, avventuriero di pochi scrupoli ma dotato di gran dignità e orgoglio. Rhett s'innamora di Rossella, la quale ha sempre nel suo cuore Ashley, ricevendo da lei il rifiuto. Le loro strade si dividono e, nel frattempo Rossella, con Melania, va a vivere nella piantagione della zia, ad Atlanta. Ben presto anche la più importante città del sud è presa in mano dai nordisti e distrutta. Le due donne sono costrette a far ritorno a Tara. Trovano la loro casa distrutta e, unico superstite della famiglia il padre di Rossella, ormai completamente impazzito. Ashley fa ritorno a casa appena cessata la guerra e Rossella spera ancora di conquistarlo ma quando Melania muore Ashley le confessa di non aver amato altri se non sua moglie. Senza ormai alcuna speranza di trovare il suo amore, Rossella accetta l'offerta di matrimonio di Rhett, nel frattempo diventato ricchissimo, lo sposa e da questi ha una bambina ma il suo cuore è sempre per Ashley. Una situazione che Rhett non accetta e quando la figlia muore per una caduta da cavallo decide di abbandonare la moglie definitivamente. Ma Rossella, caparbia, tenterà in seguito di riconquistarlo.






Recensione



vai alla scheda di Victor Fleming David O'SelznickE', per eccellenza, il film-fiume della storia del cinema. Forse non un capolavoro, ma sicuramente un gigante del palinsesto hollywoodiano e per antonomasia, la più famosa testimonianza di un tipo di cinema ormai scomparso. Diretto da quattro registi (uno solo accreditato, V. Fleming), due fotografi d'eccezione, dieci sceneggiatori (tra licenziati e non accreditati), sei compositori, oltre 100.000 mila metri di pellicola girata e 4400 di montato (200 metri solo per i titoli di testa), trionfatore assoluto al box office con circa 200 milioni di dollari d'incasso (riedizioni comprese) e di spettatori (30 milioni), circa ottanta set di riprese, 4000 comparse, 1500 attrici coinvolte nei provini per l'assegnazione del ruolo di Rossella O'Hara (tipo Bette Davis, Norma Shearer, Joan Crawford, Paulette Goddard, Jaen Arthur, Joan Bennett, Katherine Hepburn), sono soltanto alcuni dati che, assemblati, determinano lo strabiliante successo del film.
Ma il vero artefice di questo lussureggiante melodramma in costume è senza dubbio il suo produttore, David O'Selznick. La megalomania e il talento indiscusso di questo producer indipendente - tentò in seguito di emulare le gesta di Via col Vento con altre faraoniche produzioni (Duello al sole tra tutte) - sono alla base di questo trionfo senza precedenti. Di tasca sua e senza alcun sostegno esterno, Selznick tirò fuori, oltre il budget completo (4 milioni di dollari, condivisi con la MGM), 50.000 dollari per acquistare i diritti del romanzo di Margaret Mitchell, la quale, rifiutò la proposta di scrivere un sequel, ed altri 400.000 per pagare la moglie di Clark Gable (in una clausola proposta dall'attore come anticipo sulla propria retribuzione), cifra richiesta dalla donna per accordare il divorzio al celebre divo, tra l'altro molto recalcitrante ad accettare il ruolo di Rhett Butler. Selznick, sempre presente sui set di ripresa (con 'consigli' ai registi che puntualmente andavano su tutte le furie), senza scrupolo e pronto a sormontare con ogni mezzo qualsiasi imprevisto o difficoltà pur di realizzare uno spettacolo 'vivo'; e per citare un episodio che è emblema di tanti altri, non esitò affatto ad incendiare i set e le scenografie di King Kong (1933, altro suo gioiello) pur di dare un'impronta ultra spettacolare alla sequenza dell'incendio di Atlanta.
Girato nel caos più totale ma in gran segreto, davvero in trincea (a nessuno era permesso avvicinarsi), non esistono, di fatto, se non in rarissimi casi testimonianze fotografiche o filmati che documentino le varie fasi delle riprese. Selznick era ossessionato dall'idea di essere imitato o plagiato; ogni sua lavorazione prendeva corpo a livello di vero e proprio segreto di stato. Sta, di fatto, che Via col vento, pur nell'affresco dimostrativo di un'epoca e nell'intento descrizionista di un romanticismo epico e tormentato, rappresenta oggi la testimonianza del potere hollywoodiano e del suo monumentale quanto efficace apparato produttivo.

Curiosità:
1) - E' film che detiene il primato di incasso (200 milioni di dollari) nell'intervallo più lungo della storia del cinema. Infatti, detenne questo record per ben 27 anni, fino al 1965, quando fu superato da Tutti insieme appassionatamente.
2) - Per il provino relativo alla scelta dell'attrice che avrebbe poi impersonato Rossella O'hara, furono scelte 64 attrici, girati oltre 54.000 metri di pellicola in 30 ore di prove con un costo superiore a 100.000 dollari, che rappresentava all'epoca l'intero stanziamento per un normale film della durata media di un ora e mezzo. La cerchia si restrinse a quattro personaggi, tre dive acclamate (Jaen Arthur, Joan Bennett, Paulette Goddard) e un'attrice sconosciuta (Vivien Leight). La spuntò proprio quest'ultima, che recitò con gli occhi verdi grazie agli artifizi del trucco di Monthy, ma ricevette una paga di soli 15.000 dollari; una vera sproporzione sul budget complessivo dell'intero film. Inoltre, malgrado la sua presenza fosse legata al ruolo di attrice protagonista, nei poster ufficiali, il suo nome apparve soltanto al quarto posto.
3) - A Atlanta esiste un cinematografo, il Centre 6 oggi del gruppo CNN, che proietta il film nella sala 6 ininterrottamente e due volte al giorno da 69 anni; e non ci sono segnali che possano far presagire uno stop a questo infinito trend.
4) - La statuetta dell'Oscar come miglior film del'anno, fu acquistata all'asta Sothebey's di New York da Michael Jackson al prezzo record di 1 miliardo e mezzo di dollari.






Colonna sonora



vai alla scheda di Max Steiner Sicuramente la migliore partitura dello scores-recordman Max Steiner, compositore di talento, ma anche ordinario e soprattutto ripetitivo visto l'alto numero di composizioni al suo attivo. Pur di averlo, Selznick non esitò a pagare una penale alla Warner, per la quale il musicista esercitava, al momento, ruolo di Musical Director. Il produttore non ritenne soddisfacente lo score proposto dall'altro director della MGM, Herbert Stothart. Una composizione fluente e armoniosa, di pura concezione sinfonica e perfetta nel descrivere l'epoca e al tempo stesso capace di infondere pagine di vero romanticismo e malinconico decadentismo. Tuttavia tutto ciò non bastò a Selznick, il quale ingaggiò Adolph Deutsch, Hugo Friedhofer, Heinz Roemheld, William Axt, Franz Waxman per completare il lavoro con brani addizionali di musica non originale.





Info - Discografia
Il CD della Rhino Records (1997) contenente 25 brani, è soltanto l'ultimo di un numero incredibile e assolutamente imprecisato di ristampe immesse sul mercato, dai durissimi 16 giri anni '40 fino ai moderni CD, passando per una lunga serie di reincisioni su LP e cassette audio.


CD Rhino Records


Original track music: Titoli (0.30 - 236 KB wav)




Foto Gallery


Oltre il poster, la Gallery comprende un'ampia rassegna fotografica commentata, tratta da alcune tra le più importanti sequenze del film.


Clicca Gallery per visionare





Video Clip


Scena chiave

Gli utilizzatori di sistema GNU/Linux possono visualizzare il filmato con Mplayer



(L'incendio di Atlanta)





Sequenza famosa

Gli utilizzatori di sistema GNU/Linux possono visualizzare il filmato con Mplayer



(Stazione)




Frase celebre

Gli utilizzatori di sistema GNU/Linux possono visualizzare il filmato con Mplayer



(Rossella O'Hara)



comments powered by Disqus