Stimato regista austriaco, trasferitosi negli Stati Uniti a metą degli anni trenta. Eccellente documentarista, tecnico della cinepresa, innovativo e attento al particolare, caratterizza il suo stile in forme realiste accentuate da toni psicologici e morali in contorno a soggetti prettamente drammatici. Abile nel saper ricreare nei suoi personaggi, tutti quegli elementi caratteriali che riescono ad infondere certificata autenticitą e assoluta padronanza nella disposizione narrativa sempre in tendenza alla responsabilitą individuale, soggettiva e sociale. Si laurea in legge all'Universitą di Vienna e negli anni '20 si trasferisce in Francia dove, a Parigi, studia fotografia e cinematografia presso l'Ecole Technique. Compie i primi passi al fianco di Robert e Curt Siodmak; si specializza nel documentario e ottiene meritati successi che gli offrono la possibilitą di trasferirsi negli USA, dove continua la sua attivitą nello short subject, settore che gli regalerą un Oscar nel 1951 per il cortometraggio 'Benjy'. Dagli anni '40 passa alla MGM e nel 1942 fa il suo esordio nel lungometraggio; si assesta nel genere nero-criminale con lavori di straordinario senso pratico come Delitto al microscopio, Occhi nella notte, ma soprattutto La settima croce, Odissea tragica e Atto di violenza. Ma č nel decennio successivo che Zinnemann acquista notorietą attraverso una serie di film di successo critico e commerciale. Inizia con Uomini e poi con Teresa, di ambiente realista, per passare nel 1953 alla regia del suo film pił famoso, Mezzogiorno di fuoco; western convenzionale, narrativamente piatto attraversato da una storia sin troppo prevedibile, ma sbalorditivo per l'uso temporale della descrizione degli eventi, basata sull'arco di un'intera mattinata, dove il pendolo che scandisce il tempo si rivela come soggetto principale del film. L'anno seguente realizza Da qui all'eternitą, acclamato e pluripremiato kolossal semibellico - che gli consente di vincere il suo primo Oscar - interpretato da un super cast e costruito in funzione dell'attacco giapponese di Pearl Harbor, ma sostanzialmente opera di gran qualitą umanistica, con valori introspettivi adattati in ogni singolo personaggio. Chiude il decennio con altri tre film rilevanti: Oklahoma! (1955) musical di straordinario impatto visivo grazie all'uso dei set esterni, Un cappello pieno di pioggia (1957) sul tema della tossicodipendenza e Storia di una monaca (1959) produzione ad alto costo di sostanza predicatoria. Negli anni '60 gira il lussuoso Un uomo per tutte le stagioni (Oscar per film e regia, suo secondo) imperniato sul tragico dibattito tra Tommaso Moro e Enrico VIII. Da qui in avanti la sua filmografia si restringe a pochi film, spesso convenzionali. Nel 1973 filma il thriller semi-storico Il giorno dello sciacallo; nel 1977, con Giulia gira l'adattamento letterario di L. Hellmann e dopo sei anni di ferma ritorna dietro la cinepresa per Cinque giorni, un estate, sua ultima fatica prodotta in un itinerario da regista lungo 60 anni. Sposato a Renee Bartlett; un figlio, il produttore Tim Zinnemann.



Cinque giorni un'estate
Five Days One Summer (1982)
Giulia
Julia (1977)
Il giorno dello sciacallo
The Day of the Jackal (1973)
Un uomo per tutte le stagioni
A Man for All Seasons (1966)
...e venne il giorno della vendetta
Behold a Pale Horse (1964)
I nomadi
The Sundowners (1960)
La storia di una monaca
The Nun's Story (1959)
Il vecchio e il mare
The Old Man and the Sea (1958 - non accreditato)
Un cappello pieno di pioggia
A Hatful of Rain (1957)
Oklahoma!
(1955)
Da qui all'eternitą
From Here to Eternity (1953)
Il membro del matrimonio
The Member of the Wedding (1952)
Mezzogiorno di fuoco
High Noon (1952)
Teresa
(1951)
Benjy
(1951)
Uomini/Il mio corpo ti appartiene
The Men (1950)
Atto di violenza
Act of Violence (1948)
Odissea tragica
The Search (1948)
Mio fratello parla con i cavalli
My Brother Talks to Horses (1947)
La mamma non torna pił
Little Mister Jim (1946)
La settima Croce
The Seventh Cross (1944)
Occhi nella notte
Eyes in the Night (1942)
Delitto al microscopio
Kid Glove Killer (1942)
The Lady or the Tiger?
(1942)
Your Last Act
(1941)
Forbidden Passage
(1941)
A Way in the Wilderness
(1940)
The Great Meddler
(1940)
Stuffie
(1940)
The Old South
(1940)
Forgotten Victory
(1939)
The Ash Can Fleet
(1939)
One Against the World
(1939)
Help Wanted
(1939)
While America Sleeps
(1939)
Weather Wizards
(1939)
The Story of Doctor Carver
(1938)
That Mothers Might Live
(1938)
Tracking the Sleeping Death
(1938)
They Live Again
(1938)
Friend Indeed
(1937)
Redes
(1936)
Uomini di domenica
Menschen am Sonntag (1930)




OSCAR
Benjy (miglior documentario)
Da qui all'eternitą (regia)
Un uomo per tutte le stagioni (film, regia)


NOMINATION ALL'OSCAR
Odissea tragica (regia)
Mezzogiorno di fuoco (regia)
Storia di una monaca (regia)
I nomadi (film, regia)
Giulia (regia)


GOLDEN GLOBES (USA)
Da qui all'eternitą (regia - Golden Globe)
Un cappello pieno di pioggia (regia - nomination)
Storia di una monaca (regia - nomination)
I nomadi (regia - nomination)
Un uomo per tutte le stagioni (regia - Golden Globe)
Il giorno dello sciacallo (regia - nomination)
Giulia (regia - nomination)


BAFTA (ING)
Storia di una monaca (film, regia - nomination)
Un uomo per tutte le stagioni (regia - Bafta)
Il giorno dello sciacallo (film - nomination)
Giulia (film - nomination)


FESTIVAL DI CANNES (FRA)
Da qui all'eternitą (film - Premio speciale)

CESAR (FRA)
Giulia (film - nomination)

DAVID DI DONATELLO (ITA)
Giulia (regia - David)

NASTRO D'ARGENTO (ITA)
Giulia (regia - Nastro d'argento)

FESTIVAL DI VENEZIA (ITA)
Odissea tragica (film - nomination)
Teresa (film - nomination)
Un cappello pieno di pioggia (film - premio Fipresci)












Web Page






Home - Registi

Kolossal a confronto - Made in Italy - 2002