Lo sparviero del mare
(1940, The Sea Hawk)
Destinazione Tokyo
(1943, Destination Tokyo)
Vittoria alata
(1944, Winged Victory)
Il bandito senza nome
(1946, Somewhere in the Night)
Fra le tue braccia
(1946, Cluny Brown)
Il mare d'erba
(1947, The Sea of Grass)
Forza bruta
(1947, Brute Force)
Doppia vita
(1947, A Double Life)
Un'altra parte della foresta
(1948, Another Part of the Forest)
Schiavo della furia
(1948, Raw Deal)
Ultima tappa per gli assassini
(1948, Canon City)
Egli camminava nella notte
(1948, He Walked by Night)
Tokio Joe
(1949)
Anna Lucasta
(1949)
La via della morte
(1949, Side Street)
Condannato
(1950, Convicted)
L'assalto al treno postale
(1950, Wyoming Mail)
La città del terrore
(1950, The Killer That Stalked New York)
Uniti nella vendetta
(1951, The Great Missouri Raid)
Tales of Robin Hood
(1951)
Solitudine
(1951, Night Into Morning)
La montagna dei sette falchi
(1951, Red Mountain)
L'impero dei gangster
(1952, Hoodlum Empire)
Difendete la città
(1952, The Sellout)
Furore sulla città
(1952, The Turning Point)
La ragazza del secolo
(1954, It Should Happen to You)
Il mostro della laguna nera
(1954, Creature from the Black Lagoon)
Terrore a Shanghai
(1954, The Shanghai Story)
Rivolta al blocco 11
(1954, Riot in Cell Block 11)
L'ammutinamento del Caine
(1954, The Caine Mutiny)
Tre ore per uccidere
(1954, Three Hours to Kill)
La polizia bussa alla porta
(1955, The Big Combo)
Nessuno resta solo
(1955, Not as a Stranger)
Brooklyn chiama polizia
(1955, The Naked Street)
La spiaggia delle conchiglie
(1955, Shack Out on 101)
Ore disperate
(1955, The Desperate Hours)
L'imputato deve morire
(1955, Trial)
Gunpoint
(1955, At Gunpoint)
L'invasione degli ultracorpi
(1956, Invasion of the Body Snatchers)
La grande sfida
(1956, The Proud Ones)
L'agguato delle 100 frecce
(1956, Dakota Incident)
Sfida all'O.K. Corral
(1957, Gunfight at the O.K. Corral)
I pionieri del West
(1957, The Tall Stranger)
La parete di fango
(1958, The Defiant Ones)
Orchidea nera
(1958, The Black Orchid)
Ultima notte a Warlock
(1959, Warlock)
Sacro e profano
(1959, Never So Few)
L'uomo che visse nel futuro
(1960, The Time Machine)
I magnifici sette
(1960, The Magnificent Seven)
L'uomo di Alcatraz
(1962, Birdman of Alcatraz)
Vá e uccidi
(1962, The Manchurian Candidate)
Hud il selvaggio
(1963, Hud)
Sette giorni a maggio
(1964, Seven Days in May)
La carovana dell'alleluia
(1965, The Hallelujah Trail)
Poker di sangue
(1968, 5 Card Stud)
Airport
(1970)
2022: i sopravvissuti
(1973, Soylent Green)











Blog Profile



Il suo nome completo era Whitner Nutting Bissell. Caratterista americano proveniente dal teatro, ad oggi ancora pienamente riconoscibile come prolifico e versatile interprete in ogni genere di film, attivissimo anche in televisione, con carriera misurata in oltre 300 interpretazioni, dal 1940 al 1984. Figura elegante, particolarmente adatto a personaggi autorevoli, ufficiali, medici, scienziati, insegnanti e uomini politici, nativo di New York, figlio di un noto chirurgo, studia e si laurea alla University of North Carolina per dedicarsi subito dopo alla carriera artistica. Prende corsi di recitazione e ventitreenne, nel 1932, debutta a Broadway in ´Alice in Wonderland´. Attivo sul palco newyorkese a ritmi regolari, fino al 1944, fa il suo esordio nel cinema nel 1940 nel classico avventuroso Lo sparviero del mare. Negli anni '40 e nel decennio successivo appare in produzioni di ogni tipo, dal war-movie alla commedia, dal western alla fantascienza, dal dramma all'horror (qui notevole in Il mostro della laguna nera), con prevalenza nel noir, presente in produzioni di riscontro, come Il bandito senza nome, Forza bruta, Doppia vita, Egli camminava nella notte e molti altri. Da ricordare anche in film spettacolari, L'ammutinamento del Caine, L'invasione degli ultracorpi, L'uomo che visse nel futuro, Airport, 2022: i sopravvissuti e in un buon numero di western di successo, Sfida all'O.K. Corral, Ultima notte a Warlock, I magnifici sette e La carovana dell'alleluia. Dagli anni '60, è incessante in televisione; tra i numerosi tv-series vale la pena menzionarlo in "Bachelor Father", "Peyton Place", "Perry Mason", "Kronos" e in una puntata (1984) della soap-opera "Falcon Crest", sua ultima fatica. Colpito dal morbo di Parkinson, si ritira dalle scene; muore nel 1996 a 86 anni. È stato per molti anni Presidente del sindacato degli attori (Screen Actors Guild) e membro permanente del consiglio di amministrazione dell'associazione preposta all'assegnazione dei premi Oscar (Academy of Motion Picture Arts and Sciences). Sposato tre volte con un divorzio: primo matrimonio con l'attrice Adrienne Marden (due figlie, Kathy e Victoria), poi con l'insegnate Dilys Mary Shan Jukes, deceduta nel 1958 (una figlia, Amanda), infine con l'attrice televisiva Jennifer Raine.










comments powered by Disqus


Top Star - Home