Titolo originale:
A Man Called Horse

Anno:
1970

NazionalitÓ:
USA

Produzione:
Cinema Center

Regia:
Elliot Silverstein

Cast:
Richard Harris
Judith Anderson
Jean Gascon
Manu Tupou
Corinna Tsopei
Dub Taylor
James Gammon


Sceneggiatura:
Jack DeWitt
(dal soggetto di Dorothy M. Johnson)

Musica:
Leonard Rosenman

Fotografia:
Robert B. Hauser



original poster



Original Track Music

(1.00 - 476 kb Wav)







titolo del film

Inglese Ŕ fatto prigioniero dai Sioux che lo usano come cavallo da soma. Pian piano entra nella comunitÓ, accetta le loro regole, sposa una nativa e diventa capo trib¨.
Prodotto dalla Cinema Center Film, la stessa di Piccolo grande uomo, girato nello stesso anno ma uscito dopo, sull'analoga lunghezza d'onda e caricato a pallettoni in forma di rivisitazione sulla vita sociale delle trib¨ indiane, in un operazione mai fatta nel cinema con tanto scrupolo e puntiglio. Eccessivamente osannato dalla critica di parte, quella del consenso ai pellerossa, Ŕ un film apprezzabile per il tono formativo e per le particolaritÓ autoctone messe in rilievo special modo nella prima parte, poi nello scorrere rappezzate attraverso carrellate di sapore didascalico. Stona nel racconto, assai improbabile, si esalta nei personaggi, ottiene vigore dagli scenari, cade in frustrazione nel finale, quando l'uomo bianco Ŕ nominato capo della trib¨, forzatura scritturale in aperto contrasto con la sintesi del soggetto che pretende assoluta laicitÓ e indipendenza del popolo indiano. Filmato in lingua inglese e Sioux. Grande successo di pubblico con due sequel di poco conto: La vendetta dell'uomo chiamato cavallo (1976) e Sunka Wakan (1983), sempre con Richard Harris, qui convincente nel suo primo vero ruolo di protagonista assoluto.


*****






(Video Clip WMP - 1.00)
scena del film
scena del film
scena del film
scena del film
scena del film
scena del film
scena del film
scena del film




Premi


Nessun riconoscimento artistico
Indice Western - Home Page





Kolossal a confronto - Made in Italy - 2002