Il suo vero nome è Julius Dassin. E' da considerare tra i più influenti autori americani dell'epoca, ma da ricordare anche tra i registi più sfortunati di Hollywood. Studia in Europa negli anni '30 e in America scrive testi teatrali per Broadway e sempre da sceneggiatore collabora con varie emittenti radiofoniche. Nel 1940 è assunto dalla RKO in qualità di assistente alla regia; in questo campo affina le tecniche direttive seguendo maestri come Alfred Hitchcock e Garson Kanin. L'anno successivo è alla sua prima regia con The Tell-Tale Heart, tratto dal romanzo di Edgar Alan Poe; film creato con pochissimo ma che regge un vasto consenso di pubblico, al punto che la MGM gli propone un contratto che il regista onorerà per quattro anni. Nel periodo della Metro realizza alcune commedie abbastanza gradevoli (Lo spettro di Caterville, La lettera di Eva), ma le continue ingerenze dei produttori non gli consentono di lavorare seguendo la sua innata inclinazione al drammatismo. Passa così alla Universal dove può dar vita a progetti coltivati da tempo. Avuta carta bianca dal produttore Mark Hellinger, dirige una serie di film gansteristici improntati sul sociale divenendo così uno dei registi di punta (assieme a Robert Siodmak) del film-noir. Con il claustrofobico Forza Bruta (analisi sui sistemi carcerari americani) e ancor di più con La città nuda (girato in esterni tra le strade di New York) arriva il successo e la popolarità. Ma un montaggio rappezzato di quest'ultimo lo manda su tutte le furie; rompe il contratto con la Universal e passa alla Fox. Sulla scia di questi due film e, sempre nell'ambito del crime-movie, mette in atto altri lavori di gran spessore come I corsari della strada e I trafficanti della notte. Quando sembra avviato ad un'irresistibile scalata verso il successo pieno, arriva la tegola che travolge sogni e ambizioni. Nel 1952, in piena 'caccia alle streghe' ordita dal senatore Joseph McCharty, per i suoi ideali progressisti finisce sulle liste nere degli indesiderati ed è costretto, per lavorare, all'espatrio in Europa. Raggiunge la Francia dove, dopo cinque anni d'inattività, realizza Rififi, film nero e notturno, pregno di un fascino ambiguo che si materializza tra i personaggi e un ambivalente percorso narrativo. Seguono sempre in tema drammatico Colui che deve morire e l'italiano La legge, interpretato da Gina Lollobrigida, Marcello Mastrianni e, soprattutto, dalla sua seconda moglie Melina Mercouri, che sarà presente anche in altri film diretti dal marito, particolarmente in Mai di domenica, film d'alto consenso critico. Ma l'Europa non è l'America; il vecchio continente non può concedere più di quello che può dare e Dassin, costretto a piegarsi alle logiche consumistiche derivate dai film d'importazione USA, con il tempo smarrisce la capacità d'adattamento e in special modo la virtù ispiratrice. Sul finire della carriera gira diversi film in Grecia (Fedra) prima di tornare negli USA (a maccartismo ormai sciolto) per realizzare Tokpapi, spionaggio avventuroso condito da humor, e Tradimento, remake de Il traditore di John Ford del 1935. Si ritira definitivamente nel 1980. Prima di sposare Melina Mercuri, è stato marito di Beatrice Launer dalla quale ha avuto in figlia l'attrice Julie.



Circle of Two
(1980)
Kravgi gynaikon
(1978)
The Rehearsal
(1974)
Promessa all'alba
Promise at Dawn (1970)
Tradimento
Up Tight! (1968)
Hamilchama al hashalom
(1968)
Alle 10:30 di una sera d'estate
10:30 P.M. Summer (1966)
Topkapi
(1964)
Fedra
Phaedra (1962)
Mai di domenica
Pote tin Kyriaki (1960)
La legge
(1959)
Colui che deve morire
Celui qui doit mourir (1957)
Rififi
Du rififi chez les hommes (1955)
I trafficanti della notte
Night and the City (1950)
I corsari della strada
Thieves' Highway (1949)
La città nuda
The Naked City (1948)
Forza bruta
Brute Force (1947)
Una lettera per Eva
A Letter for Evie (1946)
La taverna dei quattro venti
Two Smart People (1946)
Lo spettro di Canterville
The Canterville Ghost (1944)
Young Ideas
(1943)
La grande fiamma
Reunion in France (1942)
The Affairs of Martha
(1942)
Nazi Agen
(1942)
The Tell-Tale Heart
(1941)





NOMINATION ALL'OSCAR
Mai di domenica (regia e sceneggiatura)

FESTIVAL DI CANNES (FRA)
Rififi (regia: Palma d'oro - film: nomination)
Colui che deve morire (regia: Palma d'oro - film: nomination)
Mai di domenica (film - nomination)
Kravgi gynaikon (film - nomination)


BAFTA (ING)
Mai di domenica (film - nomination)












Web Page
(Lingua francese)






Home - Registi

Kolossal a confronto - Made in Italy - 2002