Schatten des Glücks
(1919)
So sind die Männer
(1922)
Der Mensch am Wege
(1923)
Der Sprung ins Leben
(1923)
Tragödie der Liebe
(1923)
Der Mönch von Santaren
(1924)
Der Tänzer meiner Frau
(1925)
Madame wünscht keine Kinder
(1926 - non accreditata)
Der Juxbaron
(1926)
Kopf hoch, Charly!
(1926)
Manon Lescaut
(1926)
Café Elektric
(1927)
Dubarry von heute, Eine
(1927)
Sein größter Bluff
(1927)
Prinzessin Olala
(1928)
Das Schiff der verlorenen Menschen
(1929)
Gefahren der Brautzeit
(1929)
Enigma
(1929, Die Frau, nach der man sich sehnt)
Il bacillo dell'amore
(1929, Ich küsse Ihre Hand, Madame)
La nave degli uomini perduti
(1929, Le Navire des hommes perdus)
Morocco
(1930)
L'angelo azzurro
(1930, Der Blaue Engel)
Disonorata
(1931, Dishonored)
Shanghai Express
(1932)
Venere bionda
(1932, Blonde Venus)
Il cantico dei cantici
(1933, The Song of Songs)
L' Imperatrice Caterina
(1934, The Scarlet Empress)
Capriccio spagnolo
(1935, The Devil Is a Woman)
Desiderio
(1936, Desire)
Ho amato un soldato
(1936, I Loved a Soldier)
Il giardino di Allah
(1936, The Garden of Allah)
Angelo
(1937, Angel)
La contessa Alessandra
(1937, Knight Without Armour)
Partita d'azzardo
(1939, Destry Rides Again)
La taverna dei sette peccati
(1940, Seven Sinners)
Fulminati
(1941, Manpower)
L' ammmaliatrice
(1941, The Flame of New Orleans)
La febbre dell'oro nero
(1942, Pittsburgh)
La signora acconsente
(1942, The Lady Is Willing)
I cacciatori dell'oro
(1942, The Spoilers)
Oriental Dream
(1944, Kismet)
Turbine d'amore
(1946, Martin Roumagnac)
Amore di zingara
(1947, Golden Earrings)
Scandalo internazionale
(1948, A Foreign Affair)
Paura in palcoscenico
(1950, Stage Fright)
Il viaggio indimenticabile
(1951, No Highway)
Rancho Notorious
(1952)
Montecarlo
(1956)
Il giro del mondo in ottanta giorni
(1956, Around the World in Eighty Days - cameo)
Testimone d'accusa
(1957, Witness for the Prosecution)
L'infernale Quinlan
(1958, Touch of Evil)
Vincitori e vinti
(1961, Judgment at Nuremberg)
Insieme a Parigi
(1964, Paris - When It Sizzles - non accreditata)
Gigol˛
(1979, Sch÷ner Gigolo, armer Gigolo)




(da L'angelo azzurro - 1930)




OFFICIAL SITE



Il suo vero nome era Maria Magdalena von Losch.

Studi e formazione: ´Hochschüle´ di Dessau - ´Hochschüle fur Musik´ di Berlin - ´Max Reinhardt's Deutsche Theaterschule´ di Berlino.

Amante della musica sin da giovanissima (studi di violino), inizia la carriera artistica prima come cabarettista in alcuni spettacoli da rivista a Berlino e poi nel cinema, sotto la guida di Max Reinhardt che la impose come figurante in una serie di film muti anni venti.

Dopo il successo de L'angelo azzurro (1930) sia l'attrice sia il regista Joseph von Sternberg, che l'aveva scoperta, sono scritturati in coppia ad Hollywood per una serie di film dal 1931 al 1935. Da qui, per la diva, inizia la scalata verso la celebrità internazionale.

La Paramount fece di lei un'autentica stella e il suo mito oscurò completamente quello della divina Greta Garbo.

Plasmata dal barocchismo di Sternberg, del quale fu anche amante, al termine del sodalizio con il regista tedesco, si liberò della figura di vamp glaciale, riuscendo a dimensionarsi nella sophisticated comedy e nel ritorno al canzonettismo figurato, sua antica perla.

Antinazista convinta, si esibisce più volte al fronte, durante l'ultimo conflitto mondiale, in sostegno alle forze USA. Per questa sua attività, al termine della guerra riceve la "Medaglia al Merito", massima onorificenza americana concessa a un civile.

Malgrado numerose richieste, non si è mai prestata ad apparizioni televisive.

Nel 1984 rifiuta di apparire in un documentario girato su se stessa e diretto da Maximilian Schell. Nello stesso anno pubblica la sua autobiografia dal titolo Marlene D.

Tra le tante manie, da ricordare quella degli specchi, verso i quali spendeva quasi tre ore della giornata per truccarsi quasi a ritmo frenetico. Un altra, relativa al cospargersi i capelli con un oncia di polvere d'oro per farli riflettere ancor più lucentemente. Portava un trucco così pesante, che dopo ogni abbraccio di amici che incontrava era costretta ad appartarsi per rifarlo. Masticava continuamente bucce di limone per serrare ancor di più i muscoli della bocca. Messa a dieta dal regista Sternberg, si convinse a levarsi quattro molari per far figurare una dimensione facciale ancor più drammatica.

Accanita fumatrice con una media di 80 sigarette al giorno, è stata anche la prima donna ad aver stipulato con i Lloyd's di Londra un ricca assicurazione sulle proprie gambe.

Distrutta dall'alcol e ridotta in povertà quasi assoluta, si ritira a Parigi, immobilizzata al letto per un decennio. Sulla biografia ´The Grand Surprise´ (2006, di Leo Lerman, direttore di "Vanity Fair" e personale amico della diva) è riportato un inedito riguardante questo periodo, dove Marlene riuscì a guadagnarsi da vivere e per un certo tempo anche bene, cantando al telefono 5 giorni su 7 (per 5000 dollari a prestazione) proprie canzoni del passato ad un fan americano, miliardario e ossessionato dalla sua voce.

Muore a 90 anni, nel 1992, a seguito di una malattia renale cronica, in totale solitudine, con al fianco soltanto la figlia Maria. Lascia la sua vasta collezione di cimeli alla città di Berlino, compresi i propri diari con oltre 300mila testimonianze dirette, raccolte nell'arco della sua esistenza puntualmente contrassegnate, oggi esposte al Museo della capitale tedesca.

Sposata una sola volta, con il produttore Rudolp Sieber, (una figlia, Maria Elisabeth, attrice, interprete al fianco della madre in L'imperatrice Caterina e Il giardino di Allah, 91 anni compiuti nel 2015).

Dichiaratamente bisessuale, non totalmente lesbica come spesso additata, ha intrapreso relazioni sentimentali o semplicemente sessuali con un vero esercito di personaggi gravitanti l'area di Hollywood e non solo; oltre 100, sia uomini, sia donne. Oltre il più grande amore della sua vita, Jean Gabin, è stata amante degli attori Orson Welles, John Wayne, Humphrey Bogart, Marlon Brando, Frank Sinatra, Errol Flynn, Gary Cooper, Douglas Fairbanks jr., Burt Lancaster, James Stewart, Spencer Tracy, Ronald Colman, Tyrone Power, Kirk Douglas, Anthony Quinn, Yul Brynner, Leslie Howard, George Raft, Robert Donat, John Gilbert, Maurice Chevalier, Gérard Philipe, Cesar Romero, Igo Sym, Reginald Gardiner, Victor McLaglen, Michael Wilding, James Gavin, Hans Jaray, Willi Forst, Richard Barthelmess, Brian Aherne, Burgess Meredith, dei registi Joseph von Sternberg, Fritz Lang, Otto Preminger, dei produttori televisivi e cinematografici Michael Todd, Leland Hayward, del magnate dell'aviazione Howard Hughes, dello sceneggiatore Ferenc Molnàr, degli scrittori Ernest Hemingway, Erich Maria Remarque, John O'Hara, William Saroyan, dei commediografi Noel Coward, George Bernard Shaw, con i cantanti Burt Bacharach, Eddie Fisher, Richard Tauber, il pianista José Iturbi, il conduttore televisivo Milton Berle, l'editore Leo Lerman, il campione di ping pong Fred Perry, il press agent Bob Ritchie, il giornalista Edward Murrow, l'insegnate di recitazione Berthold Held, il campione di baseball Joe DiMaggio, il presidente delle associazioni equestri Thomas Welles Durant, lo scultore svizzero Alberto Giacometti, il playboy miliardario brasiliano Jorge Guinle, l'avvocato patrocinante di numerosi attori e attrici Greg Bautzer, il noto fotografo e custumista inglese Cecil Beaton, il Presidente USA John Fitzgerald Kennedy, suo fratello Robert Francis e il loro padre Joseph Patrick Kennedy, il politico democratico Adlai Ewing Stevenson II, il famoso generale dell'esercito americano George S. Patton e con il capo fondatore del nazismo Adolf Hitler.
Sul versante femminile, ha intrattenuto storie d'amore o semplici incontri con le attrici Greta Garbo, Marilyn Monroe, Judy Garland, Jean Arthur, Paulette Goddard, Claudette Colbert, Dolores del Rio, Irene Ware, Lili Damita, Sigrid Gurie, Anna May Wong, Greta Keller, Ona Munson, Tallulah Bankhead, Elizabeth Allan, Imperio Argentina, Frances Day, la scrittrice francese Gabrielle Colette, la poetessa Mercedes de Acosta, la designer d'alta moda Ginette Spanier, con le cantanti Edit Piaf e Claire Waldoff, l'olimpionica tiratrice con l'arco Denise Parker, l'eccentrica milionaria dedita alla gare acquatiche appassionata di motoscafi lesbica dichiarata e travestita Marion Carstairs.

Ha detto: - "A ciascuna donna piacerebbe essere fedele con il proprio uomo per tutta la vita. Ma il difficile è trovare un uomo a cui esserlo ".

Hanno detto di le: - "Anche se avesse solo la voce, basterebbe a spezzarti il cuore" (Hernest Hemingway).

Frase irriverente: - "È bugiarda, egocentrica e noiosa. Una vera patacca." (Cecil Beaton).




La sua migliore interpretazione
Testimone d'accusa
Il suo film più famoso
L'angelo azzurro
La sua peggiore performance
Oriental Dream










NOMINATION ALL´OSCAR
Marocco

GOLDEN GLOBES (USA)
Testimone d'accusa (nomination)










comments powered by Disqus


Top Star - Home