20.000 anni a Sing Sing
(1932, 20,000 Years in Sing Sing)
La guerra lampo dei fratelli Marx
(1933, Duck Soup)
Il conte di Montecristo
(1934, The Count of Monte Cristo)
Gli ultimi giorni di Pompei
(1935, The Last Days of Pompeii)
Emilio Zola
(1937, The Life of Emile Zola)
Il cielo può attendere
(1943, Heaven Can Wait)
Notorius, l'amante perduta
(1946, Notorious)
Arco di trionfo
(1948, Arch of Triumph)
Il Danubio rosso
(1949, The Red Danube)
La valle lunga
(1949, The Red Pony)
The Magnificent Yankee
(1950)
Giungla d'asfalto
(1950, The Asphalt Jungle)
Perfido invito
(1952, Invitation)
Il prigioniero di Zenda
(1952, The Prisoner of Zenda)
Giulio Cesare
(1953, Julius Caesar)
La sete del potere
(1954, Executive Suite)
I valorosi
(1954, Men of the Fighting Lady)
Il seme della violenza
(1954, Blackboard Jungle)
Il figliuol prodigo
(1955, The Prodigal)
Alta società
(1956, High Society)








NOMINATION ALL'OSCAR
The Magnificent Yankee


GOLDEN GLOBES (USA)
The Magnificent Yankee
(nomination)


FESTIVAL DI VENEZIA (ITA)
La sete del potere
(premio speciale)



Web Page



Il suo vero nome era Carl Henry Vogt. Caratterista americano. Dopo gli studi alla High School di St. Louis, dove è anche campione di footbal alle universiadi statunitensi, partecipa in Francia alla Prima Guerra Mondiale. Terminato il conflitto intraprende la carriera artistica ed è assiduo in teatro, soprattutto in rappresentazioni shakespeariane. Fa il suo ingresso nel cinema muto all'inizio degli anni '20 e dopo varie comparsate assume una propria dimensione grazie al suo fisico aitante unito ad eleganza e modi affabili. È chiamato come caratterista in numerosi film di pregio, dove mostra particolare propensione verso figure drammatiche e, in alcuni casi losche, come quella nel noir Giungla d'asfalto di John Huston, probabile sua migliore interpretazione e, precedentemente, nel crime di Alfred Hitchcock Notorius, l'amante perduta (1946). In seguito ricopre ruoli per quasi tutti i generi, compresi i kolossal in costume e nel famoso Giulio Cesare di Mankiewicz è nella parte del dittatore con spirito vero ma con eccessivo ciglio mussoliniano, così voluto dalla produzione. Muore d'infarto sul set di La casa da tè alla luna d'agosto del 1956. Vita affettiva caratterizzata da ben quattro matrimoni e altrettanti divorzi, tutti con attrici; rispettivamente Ilka Chase, Julia Hoyt, Natalie Schafer e Marianne Steward. Non ha avuto figli.










comments powered by Disqus


Top Star - Home