La difficile prova del dr. Kildare
(1939, Calling Dr. Kildare)
Il prigioniero di Amsterdam
(1940, Foreign Correspondent)
Kathleen
(1941)
Follia scatenata
(1942, Fingers at the Window)
La dama e l'avventuriero
(1943, Mr. Lucky)
La storia del dottor Wassel
(1944, The Story of Dr. Wassell)
Scintille tra due cuori
(1945, Those Endearing Young Charms)
Dinamite bionda
(1945, Keep Your Powder Dry)
Il segreto del medaglione
(1946, The Locket)
La grande conquista
(1947, Tycoon)
Lo schiavo della violenza
(1949, The Woman on Pier 13/I Married a Communist)
Prigionieri del cielo
(1954, The High and the Mighty)











Web Page



Il suo vero nome era Laraine Johnson. Nota caratterista, ma anche prim'attrice della MGM negli anni '40. Avvincente figura femminile anche se non particolarmente accennata nelle linee; bruna, altezza nella media, sguardo luminoso, stata spesso utilizzata in ruoli della ragazza inesperta, ma ha trovato diverse occasioni per mettersi in mostra in parti intense di film drammatici e senza mai sfigurare. Di religione mormone, nativa dell'Utah, con la famiglia si trasferisce presto in California dove studia all'High School di Los Angeles. Appassionata di baseball, entra nel team del Long Beach Players e partecipa a diverse edizioni sportive. Nel cinema, muove i primi passi nel 1937, senza accredito, nella romanza Amore sublime di King Vidor. E' attiva, con il suo vero nome, in diversi b-western fin quando, nel 1939, firma un contratto con la MGM che la fa esordire, con nome d'arte, al fianco di Lew Ayres e Lionel Barrymore in La difficile prova del dr. Kildare, film a strascico con un ciclo di episodi fino al 1941, dove la Day partecipe in tutti gli 8 sequel. Nel periodo, le sue prove migliori sono riconducibili in Il prigioniero di Amsterdam di Alfred Hitchcock (1940), La dama e l'avventuriero (1943), Il segreto del medaglione (1946), qui in un ruolo atipico per la sua figura, interprete di una donna dissestata e criminale; sicuramente la sua migliore interpretazione. Pur recitando al fianco di attori di alto livello come Gary Cooper (La storia del Dr. Wassell, 1944) e John Wayne (La grande conquista, 1947), solo raramente stata diretta da registi importanti e questo trend ne ha fortemente pregiudicato la carriera, relegandola spesso a produzioni di minore importanza. Dall'inizio degli anni '50 passa alla televisione e solo sporadicamente rientra sul grande schermo. In TV lavora fino al 1986; particolari citazioni per 'Lux Video Theatre', 'Murder on Flight 502', 'Hotel' e 'La signora in giallo', suo ultimo impegno professionale. Inizialmente sposata all'attore Ray Hendricks (due figli adottati, Christopher e Christina), divorzia per l'ex giocatore, attore e poi leggendario manager del baseball Leo Durocher (due figli, Chris e Melinda); dopo la seconda separazione sposa Michael Grilikhes (due figli, Dana e Gigi).







Top Star - Home