Mia sorella Evelina
(1942, My Sister Eileen)
La morte viene dall'ombra
(1942, A Night to Remember)
Doughboys in Ireland
(1943)
Nine Girls
(1944)
Carolina Blues
(1944)
Addio vent'anni
(1945, Over 21)
Eadie Was a Lady
(1945)
Notti d'oriente
(1945, A Thousand And One Nights)
Il veleno del peccato
(1946, Night Editor)
Femmina
(1947, Mr. District Attorney)
Il gigante di New York
(1949, Easy Living)
Ormai ti amo
(1950, Walk Softly, Stranger)
Il diritto d'uccidere
(1950, In a Lonely Place)
Gardenia blu
(1953, The Blue Gardenia)
L'impareggiabile Godfrey
(1957, My Man Godfrey)
Piombo rovente
(1957, Sweet Smell of Success)
Il forte delle amazzoni
(1957, The Guns of Fort Petticoat)
Gidget Goes Hawaiian
(1961)
Gidget a Roma
(1963, Gidget Goes to Rome)
Tora! Tora! Tora!
(1970)











Web Page



Il suo nome completo era Jean Marie Donnell. Attrice americana attiva nel b-movie e in rare circostanze caratterista di supporto per film di spessore. Simpatica ed affabile, dotata di impeto furbesco, la sua carriera è presto accomodata in tre elementi distintivi: 1) cinema comedy, dove ha sempre rappresentato, special modo in età giovanile, la classica fidanzata astuta e ragionatrice di se stessa - 2) cinema nero, qui a sostegno dei personaggi principali - 3) la televisione, materia principale della sua professione, soprattutto nota per la presenza continuativa dal 1980 al 1988 nel tv-series "General Hospital". Inizialmente studia danza classica e prende lezioni di pianoforte, si diploma alla Towson Senior High di Baltimora e poi si iscrive alla School of Drama di Yale. Appare in spettacoli itineranti sulle coste orientali della California e in Arizona, fin quando, nel 1942, a 21 anni, grazie alle pressioni del suo primo marito, insegnante teatrale, firma un contratto con la Columbia (passerà poi alla RKO per un anno prima di rendersi indipendente) e debutta nella commedia Mia sorella Evelina. Seguono parti in film sconosciuti, almeno in Italia, che variano tra generi brillanti e drammatici. Negli anni '50 è presente nei noir Il diritto d'uccidere (1950), Gardenia blu (1953) e Piombo rovente (1957). Offre buona prova nella commedia L'impareggiabile Godfrey (1957) quando ormai la sua carriera è concentrata da tempo nella TV. Torna sporadicamente al cinema, sempre per lavori di scarso successo ad eccezione di Tora! Tora! Tora! (1970), kolossal bellico e sua ultima presenza in un film di valore. Malata da tempo, muore d'infarto a 66 anni. Vita affettiva turbolenta, costellata da quattro matrimoni e altrettanti divorzi; subito, a soli 19 anni sposa Bill Anderson (due figli, Michael e Sarah Jane), dopo la separazione si unisce all'attore Aldo Ray dal quale divorzia per sposare John Bricker che poi lascia per convolare a nozze con Radcliffe Bealey.










comments powered by Disqus


Top Star - Home