Padre
(1933, Sorrell and Son)
Avorio nero
(1936, Anthony Adverse)
La regina di picche
(1936, Trouble for Two)
The Saint in New York
(1938)
Condannate
(1938, Condemned Women)
La maschera di ferro
(1939, The Man in the Iron Mask)
The Son of Monte Cristo
(1940)
Tenebre
(1941, Ladies in Retirement)
Dieci piccoli indiani
(1945, And Then There Were None)
Il ritorno di Montecristo
(1946, The Return of Monte Cristo)
Venere peccatrice
(1946, The Strange Woman)
Una giovane vedova
(1946, Young Widow)
Il dominatore di Wall Street
(1948, Ruthless)
La freccia nera
(1948, The Black Arrow)
La grande minaccia
(1948, Walk a Crooked Mile)
I pirati di Capri
(1949)
Le avventure di Capitan Blood
(1950, Fortunes of Captain Blood)
Bassa marea
(1950, House by the River)
Il bandito di York
(1951, The Lady and the Bandit)
Il figlio del Dott. Jekyll
(1951, The Son of Dr. Jekyll)
Il corsaro
(1952, Captain Pirate)
La donna della maschera di ferro
(1952, Lady in the Iron Mask)
I contrabbandieri del Kenia
(1953, The Royal African Rifles)
Lo sceriffo senza stella
(1967, The Christmas Kid)
Vivere da vigliacchi, morire da eroi
(1967)











Web Page



Il suo vero nome era Seafield Grant. Attore sudafricano, naturalizzato americano, di formazione teatrale, inizialmente presente nel cinema britannico e in seguito, mattatore a Hollywood per b-movie avventurosi e film noir. Alto, portamento elegante, dai modi gentili, viso efebico, dopo la morte del padre, ingegnere minerario, si trasferisce dal Sud Africa in Inghilterra e a Londra compie gli studi d'obbligo per poi dedicarsi alla carriera artistica, prima nei teatri londinesi attraverso le rappresentazioni di 'Dracula' e 'Another Language', in seguito riproposti negli USA, quindi nel cinema, con debutto nel melodramma Self Made Lady (1932). Dopo aver interpretato diversi film di produzione britannica, nel 1935 si trasferisce in America, con immediato esordio a Broadway in 'Point Valaine'. Si stabilisce definitivamente a Hollywood dove prosegue la professione di attore cinematografico e, pi¨ in avanti, televisivo. Assume padronanza dei propri personaggi con incredibile facilitÓ; presto amato dal grande pubblico del tempo, si trasforma per lo schermo in paladino o eroe assetato di giustizia in molti film avventurosi e in costume, di genere cappa e spada, ma sa adattarsi a meraviglia anche nel nero, soprattutto in una serie di film noir diretti da Edgar Ulmer. Nel 1938 Ŕ Simon Templar in The Saint in New York e l'anno successivo eccelle nel doppio ruolo (Luigi XIV-Filippo di Guascogna) in La maschera di ferro. E' Edmund Dantes nell'inedito in Italia The Son of Monte Cristo (1940), ruolo che riprenderÓ nel 1946 in Il ritorno di Montecristo. Prima di partire per il fronte bellico durante la Seconda Guerra Mondiale con incarico di operatore fotografico, poi nel corpo dei marines in prima linea, premiato con la Stella di Bronzo per l'eroismo dimostrato, ha modo di confrontarsi per la prima volta con il noir, in Tenebre (1940), nella parte di uno psicopatico. Terminato il conflitto, riprende da dove aveva lasciato con popolaritÓ sempre in crescendo, al punto da risultare tra i primi attori americani ad ottenere una percentuale (oltre il fisso) sui ricavi al botteghino. Diretto da Gordon Douglas, si fa ammirare in La freccia nera (1948) e Le avventure di Capitan Blood (1950), poi Ŕ protagonista in Il bandito di York (1951) e Il corsaro (1952), quindi Ŕ D'Artagnan in La donna della maschera di ferro (1952). Si fa ancora valere nel thriller, prima in Dieci piccoli indiani (1945), successivamente in Venere peccatrice (1964), La grande minaccia (1948), Il dominatore di Wall Street (1948), fino alla parte del nevrotico romanziere in Bassa marea (1950) e ancora in doppio ruolo (Dr. Henry Jekyll/Mr. Hyde) in Il figlio del Dott. Jekyll (1951). Passa alla televisione, notevole nei tv-series "The Lone Wolf", "The Pursuers" e "The Survivors", per tornare al cinema sul finire degli anni '60 in due western interpretati nello stesso anni (1967): Lo sceriffo senza stella e Vivere da vigliacchi, morire da eroi. Nel 1974, per motivi di salute, lascia definitivamente le scene. Muore nel 1985, dopo lunga lotta contro il cancro. Sposato tre volte con due divorzi: primo matrimonio con l'attrice-regista Ida Lupino, poi con Peggy Field Morrow e infine con June Hanson (una figlia, Dana, deceduta nel 2007).







Top Star - Home