L'ultima volta che vidi Parigi
(1954, The Last Time I Saw Paris)
Oltre il destino
(1955)
Il ladro del re
(1955, The King's Thief)
Diana la cortigiana
(1956, Diane)
Vento di tempesta
(1959, The Miracle)
L'oro dei sette santi
(1961, Gold of the Seven Saints)
Desiderio nel sole
(1961, The Sins of Rachel Cade)
L'organizzazione ringrazia firmato il Santo
(1968, The Fiction Makers)
L'uomo che uccise se stesso (1970, The Man Who Haunted Himself)
Agente 007 - Vivi e lascia morire
(1973, Live and Let Die)
Agente 007 - L'uomo dalla pistola d'oro
(1974, The Man with the Golden Gun)
Ci rivedremo all'inferno
(1976, Shout at the Devil)
Agente 007 - La spia che mi amava
(1977, The Spy Who Loved Me)
I 4 dell'oca selvaggia
(1978, The Wild Geese)
Amici e nemici
(1979, Escape to Athena)
Attacco - Piattaforma Jennifer
(1979, North Sea Hijack)
Agente 007 - Moonraker - Operazione spazio
(1979, Moonraker)
L'oca selvaggia colpisce ancora
(1980, The Sea Wolves)
Agente 007 - Solo per i tuoi occhi
(1981, For Your Eyes Only)
Agente 007 - Octopussy - Operazione piovra
(1983, Octopussy)
Agente 007 - Bersaglio mobile
(1985, A View to a Kill)








GOLDEN GLOBES
Miglior attore dell'anno
(1980)



OFFICIAL SITE



Il suo nome completo Roger George Moore. Attore inglese cinematografico e, soprattutto, televisivo, di carriera artistica prevalentemente americana, noto al grande pubblico per aver interpretato James Bond in sette film della famosa serie Agente 007 e, sul piccolo schermo, i tv-series "Il santo" ("Simon Templar") e "Attenti a quei due". Alto, occhi azzurri, non una cima di bellezza, sicuramente affascinante per i suoi amabili atteggiamenti, misurati tra modi aristocratici e un fascino tipicamente britannico; al contrario della vita reale, uomo rigido, sempre sulle sue, a volte con toni di autocelebrata superiorità. Dopo lavori saltuari, come modello e disegnatore, studia alla RADA (Royal Academy of Dramatic Art) di Londra e a seguito del servizio militare obbligatorio nella Intelligence, appare in alcune rappresentazioni al Teatro Reale di Londra. Debutta nel cinema da comparsa (soldato romano) nel 1945 in Cesare e Cleopatra, poi, senza accredito è nel cast di vari film inglesi prodotti dalla London Film, fino al 1954, quando, trasferitosi a Hollywood, fa il suo esordio nel cinema americano in L'ultima volta che vidi Parigi. Negli anni '50 co-protagonista in tre film in costume: Il ladro del re (1955), Diana la cortigiana (1956) e Vento di tempesta (1959). La televisione prende subito il sopravvento; interprete in numerosi tv-series "Ivanhoe", "The Alaskans", "Maverick", mini-series, documentari, serial-tv, soap-opere, film-tv, torna al cinema solo occasionalmente, L'oro dei sette santi, Desiderio nel sole, L'organizzazione ringrazia firmato e sul finire degli anni '60 acquista grande popolarità grazie ai 118 episodi del series "Il santo" o "Simon Templar"; celebrità che rafforza maggiormente nei primi anni '70, dove in coppia con Tony Curtis spopola in 24 puntate di "Attenti a quei due". Quando Sean Connery dice basta a James Bond, i produttori lo identificano immediatamente come il naturale successore; dal 1973 (Agente 007 - Vivi e lascia morire) al 1985 (Agente 007 - Bersaglio mobile) il più famoso agente segreto del cinema. Sempre attivo in televisione, sul grande schermo trova ruoli in film per larga maggioranza mediocri, prevalentemente d'azione, Ci rivedremo all'inferno (1976), I 4 dell'oca selvaggia (1978), Amici e nemici (1979), Attacco - Piattaforma Jennifer (1979) e L'oca selvaggia colpisce ancora (1980). Negli anni '90 voce radio in Il santo (1997), film ricavato dal precedente tv-series; torna a Broadway per la seconda e ultima volta (dopo l'esordio del 1953 in 'A Pin to See the Peepshow') nella comedy 'The Play What I Wrote', quindi si presta in film scadenti e tocca il fondo per le partecipazioni in Spice Girls - Il film (1997), The Enemy (2001) e Boat Trip (2002). Nel corso della carriera è produttore esecutivo per diversi film, Un tocco di classe (1973), Ad un'ora della notte (1973) e, precedentemente, si ricorda anche in svariati lavori italiani non eccelsi, Due mogli sono troppe (1950) di Mario Camerini, Il ratto delle sabine (1961), dove interpreta Romolo, fondatore di Roma, Un branco di vigliacchi (1962), Gli esecutori (1976). Ancora attivo nel contemporaneo. Portavoce dell'UNICEF, ha ricevuto due decorazioni dalla Regina Elisabetta: Comandante dell'Impero Britannico (1999) e Cavaliere dell'Impero Britannico (2003). Nel 2008, pubblica l'autobiografia 'My Word is My Bond: A Memoir'. Sposato quattro volte con tre divorzi: inizialmente con la caratterista Doorn Van Steyn, poi con la cantante Dorothy Squires, quindi con l'attrice italiana Luisa Mattioli (tre figli, Geoffrey Robert, attore e ristoratore, Deborah, nota attrice contemporanea e Christian, produttore), in ultimo con la hostess danese Christina Tholstrup.







Top Star - Home