Campus Cinderella
(1938)
Comet Over Broadway
(1938)
Girls on Probation
(1938)
Hollywood Hotel
(1938)
Il sapore del delitto
(1938, The Amazing Dr. Clitterhouse - scena tagliata)
Io ti aspetterò
(1938, The Sisters - non accreditata)
Dollari 1000 a Touchdown
(1939)
Beau Geste
(1939)
Our Leading Citizen
(1939)
Among the Living
(1941)
Sis Hopkins
(1941)
La famiglia Stoddard
(1941, Adam Had Four Sons)
Ho sposato una strega
(1942, I Married a Witch)
Vento selvaggio
(1942, Reap the Wild Wind)
Presi tra le fiamme
(1942, The Forest Rangers)
Jack London
(1943)
Quando eravamo giovani
(1943, Young and Willing)
I conquistatori dei sette mari
(1944, The Fighting Seabees)
Il diavolo nero
(1944, The Hairy Ape)
Nei meandri della casbah
(1944. And Now Tomorrow)
I conquistatori
(1946, Canyon Passage)
Scadenza all'alba
(1946, Deadline at Dawn)
Una donna distrusse
(1947, Smash-Up, the Story of a Woman)
Gli amanti di Venezia
(1947, The Lost Moment)
Nessuno mi crederà
(1947, They Won't Believe Me)
La quercia dei giganti
(1948, Tap Roots)
Suggestione
(1948, The Saxon Charm)
Hit Parade of 1943
(1949)
Tulsa
(1949)
Amaro destino
(1949, House of Strangers)
Questo mio folle cuore
(1949, My Foolish Heart)
Davide e Betsabea
(1951, David and Bathsheba)
La conquistatrice
(1951, I Can Get It for You Wholesale)
La collina della felicità
(1951, I'd Climb the Highest Mountain)
L'uomo dell'Est
(1951, Rawhide)
Il temerario
(1952, The Lusty Men)
Le nevi del Kilimangiaro
(1952, The Snows of Kilimanjaro)
La dominatrice del destino
(1952, With a Song in My Heart)
Schiava e signora
(1953, The President's Lady)
Tempeste sul Congo
(1953, White Witch Doctor)
Demetrio e i gladiatori
(1954, Demetrius and the Gladiators)
Il prigioniero della miniera
(1954, Garden of Evil)
Piangerò domani
(1955, I'll Cry Tomorrow)
L'avventuriero di Hong Kong
(1955, Soldier of Fortune)
Carovana verso il Sud
(1955, Untamed)
Il conquistatore
(1956, The Conqueror)
Sì signor generale!
(1957, Top Secret Affair)
Non voglio morire
(1958, I Want to Live!)
Lampi nel sole
(1959, Thunder in the Sun)
Ossessione di donna
(1959, Woman Obsessed)
Ada Dallas
(1961, Ada)
Il sentiero degli amanti
(1961, Back Street)
Carosello matrimoniale
(1961, The Marriage-Go-Round)
Il delitto della signora Allerson
(1962, I Thank a Fool)
Ore rubate
(1963, Stolen Hours)
Quando l'amore se n'è andato
(1964, Where Love Has Gone)
Masquerade
(1967, The Honey Pot)
La valle delle bambole
(1967, Valley of the Dolls)
La feccia
(1972, The Revengers)




(da Non voglio morire - 1958)




Tribute Site



Il suo vero nome era Edithe Marrener.

Studi e formazione: ´Girls' Commercial High School´ di Brooklyn (New York).

Newyorkese di nascita, soprannominata "la rossa di Brooklyn".

Proveniente da famiglia poverissima, sin da giovane lavora per il sostentamento della famiglia; prima come stenografa, poi da modella pubblicitaria, per arrivare al cinema come caratterista in film sexy di basso livello.

Sotto contratto con la Warner Bros., dal 1937, è lanciata come prima attrice dal produttore David O'Selznick. In seguito passa prima alla Paramount e dopo alla 20th Fox.

La svolta della carriera avviene nel 1939, quando è selezionata, assieme ad un alto numero di colleghe, per il ruolo di Rossella O'Hara in Via col Vento.

Raggiunge i vertici della popolarità senza mai mostrarsi star di prima grandezza. Dai più, considerata artista di serie B e adatta per ruoli di pin-up, nel corso della carriera conquista ugualmente un Oscar e riceve quattro nomination. Un successo, in considerazione del fatto che molte tra le più grandi stelle di Hollywood non riuscirono mai nell'impresa.

È attrice di pregio nei melodrammi, ma sa disimpegnarsi molto bene anche in ruoli per film in costume e in diversi western a tinte drammatiche.

Interpreta ben tre ruoli di donne alcolizzate, in Una donna distrusse (1947), Questo mio folle cuore (1949) e Piangerò domani (1955), dove riceve per ogni singola prestazione una nomination all'Oscar.

Nel 1959 fonda lo studio di produzione indipendente Carrollton Incorporation, tuttavia senza eccessivi riscontri.

Nel 1967, sostituisce in corsa Jury Garland, licenziata sul set, nel film La valle delle bambole, suo ultimo film, e nel 1972 sostituisce Barbara Stanwyck nel film televisivo ´Heat of Anger´.

Si assenta dalle scene dal 1966 al 1971, chiusa in stretto lutto per la morte del secondo marito. Torna nel 1972, ma soltanto per interpretare 3 film-tv, che di fatto, chiudono la sua carriera.

A 56 anni, muore di cancro al cervello, presumibilmente contratto in zona radioattiva nello Utah, durante le riprese di Il conquistatore (1956). Lo stesso male colpì gran parte della troupe al seguito (John Wayne, Agnes Moorehead, John Hoyt, Dick Powell e una ventina di tecnici e stunts), procurando uno scandalo senza precedenti che ancora oggi fa discutere.

Due matrimoni e un divorzio. Inizialmente legata per 10 anni all'attore Jess Barker (due figli, Timothy e Gregory); a seguito del divorzio tenta il suicidio quando la commissione di giustizia civile gli toglie la custodia dei figli. Due anni dopo è sposa del ricchissimo allevatore di bestiame Floyd Eaton Chalkley, morto per grave forma di epatite 9 anni più tardi.

Tra i due matrimoni, ha stretto relalazione sentimentale con l'anchorman radiofonico Bill Ballance e nella vita è stata amante degli attori John Wayne, Marlon Brando, Paul Newman, Robert Wagner, John Carroll, Richard Egan, Donald Barry, Bruce Lester, Jeff Chandler, John Beck, dei futuri Presidenti USA John Fitzgerald Kennedy e Ronald Reagan, del jazzista Jorge Guinle, dell'economista Enrique Parra, del disc-jockey Bill Ballance, dell'illustratore Jon Whitcomb e del miliardario industriale dell'aviazione Howard Hughes.

Ha detto: - "Essere ricordati dopo la morte non è la cosa più importante, perchè quando sei morto, sei morto. È molto più importante quello che fai in vita".

Hanno detto di lei: - "È una donna che è stata plasmata in un blocco d'argilla" (Richard Widmark).




La sua migliore interpretazione
Non voglio morire
Il suo film più famoso
La dominatrice del destino
La sua peggiore performance
Carosello matrimoniale










OSCAR
Non voglio morire

NOMINATION ALL´OSCAR
Una donna distrusse
Questo mio folle cuore
La dominatrice del destino
Piangerò domani


GOLDEN GLOBES (USA)
La dominatrice del destino
Miglior attrice dell'anno (1952)
Non voglio morire


BAFTA (ING)
Piangerò domani (nomination)
Non voglio morire (nomination)


FESTIVAL DI CANNES (FRA)
Piangerò domani










comments powered by Disqus


Top Star - Home