Thwarted
(1991)
Witches' Brew
(1980)
Amore dolce amore
Bittersweet Love (1976)
La strana signora della grande casa
Persecution (1974)
Geometria di un delitto
The Big Cube (1969)
Madame X
(1966)
Strani amori
Love Has Many Faces (1965)
Come ingannare mio marito
Who's Got the Action? (1962)
Uno scapolo in paradiso
Bachelor in Paradise (1961)
Ossessione amorosa
By Love Possessed (1961)
Ritratto in nero
Portrait in Black (1960)
Lo specchio della vita
Imitation of Life (1959)
Estasi d'amore - Operazione Love
Another Time, Another Place (1958)
La signora prende il volo
The Lady Takes a Flyer (1958)
I peccatori di Peyton
Peyton Place (1957)
Diana la cortigiana
Diane (1956)
Le pioggie di Ranchipur
The Rains of Ranchipur (1955)
Gli amanti dei cinque mari
The Sea Chase (1955)
Il figliuol prodigo
The Prodigal (1955)
Controspionaggio
Betrayed (1954)
La fiamma e la carne
Flame and the Flesh (1954)
Amanti latini
Latin Lovers (1953)
Il bruto e la bella
The Bad and the Beautiful (1952)
La vedova allegra
The Merry Widow (1952)
Mr. Imperium
(1951)
L'indossatrice
A Life of Her Own (1950)
I tre moschettieri
The Three Musketeers (1948)
La lunga attesa
Homecoming (1948)
Il giudice Timberlane
Cass Timberlane (1947)
Il delfino verde
Green Dolphin Street (1947)
Il postino suona sempre due volte
The Postman Always Rings Twice (1946)
Grand Hotel Astoria
Week-End at the Waldorf (1945)
Dinamite bionda
Keep Your Powder Dry (1945)
Il matrimonio è un affare privato
Marriage Is a Private Affair (1944)
Mademoiselle Du Barry
Du Barry Was a Lady (1943 - non accreditata)
La fortuna è bionda
Slightly Dangerous (1943)
Incontro a Bataan
Somewhere I'll Find You (1942)
Sorvegliato speciale
Johnny Eager (1942)
Se mi vuoi sposami
Honky Tonk (1941)
Il dottor Jeckyll e mr. Hyde
Dr. Jekyll and Mr. Hyde (1941)
Le fanciulle delle follie
Ziegfeld Girl (1941)
We Who Are Young
(1940)
Two Girls on Broadway
(1940)
Dancing Co-Ed
(1939)
These Glamour Girls
(1939)
La difficile prova del dr. Kildare
Calling Dr. Kildare (1939)
Passione ardente
Dramatic School (1938)
Rich Man, Poor Girl
(1938)
La squadriglia dell'illusione
Four's a Crowd (1938 - non accreditata)
The Chaser
(1938 - tagliata sequenza che la riguarda)
Love Finds Andy Hardy
(1938)
Le avventure di Marco Polo
The Adventures of Marco Polo (1938)
L'ultima beffa di Don Giovanni
The Great Garrick (1937)
La via dell'impossibile
Topper (1937 - non accreditata)
È nata una stella
A Star Is Born (1937 - non accreditata)
Vendetta
They Won't Forget (1937)




(da Lo specchio della vita - 1959)




OFFICIAL SITE



Il suo vero nome era Julia Jean Mildred Frances Turner.

Studi e formazione: 'High School' di Hollywood.

Tra le prime 'Glamour Girls' del cinema americano. Fisicamente attraente, non molto alta e dalle forme acconciate, trucco del viso pesante, capelli biondi (ma anche di altri colori) boccolati. E', probabilmente nel periodo, la sola star creata su 'misura' da Hollywood; una vera bomboletta rifinita a compimento, ma non per questo incapace di recitare. Anzi, le sue fortune le deve, oltre che all'aspetto, alla sua propensione drammatica, che la circonda per tutta la carriera impegnandola il più delle volte in ruoli appassionanti divenendo così, per antonomasia e a culmine della sua interpretazione in Lo specchio della vita (1959), 'la regina del melodramma e del dramma strappalacrime'.

Da famiglia inquieta, suo padre minatore con il vizio del gioco fu assassinato nel 1930, è scoperta quasi per caso - dopo che rischiò l'arresto per tentato omicidio nei confronti di un suo amante malavitoso (il fatto finì su tutti i giornali) - da un giornalista in un pub e presentata a Mervyn LeRoy che la fa esordire con accredito in Vendetta (1937). Il regista è perno decisivo per la svolta della carriera; le cambia nome, la forma professionalmente, la lancia con il soprannome di Sweater Girl, in seguito ripreso per altre attrici e tutto, attraverso un accordo personale basato su uno stipendio fisso di 50 dollari a settimana.

Dopo le prime esperienze, è messa sotto contratto dalla Warner Bros che però la utilizza in pellicole minori e in ruoli periferici. Negli anni '40 passa alla M-G-M dove vi rimane fino al 1956; ottiene celebrità in una serie di noir culminati in Il postino suona sempre due volte (1946), suo film più famoso.

Negli anni '50 conquista il vertice della popolarità, prima con I tre moschettieri e subito dopo con Il bruto e la bella. Ma nel periodo le maggiori prestazioni sono caratterizzate dai film in costume (Il figliuol prodigo, Diana la cortigiana, oltre il già citato I tre moschettieri), molto in voga nel periodo, dove è capace di mettere a frutto tutto il proprio sex-appeal, indossando costumi sfavillanti ad intreccio con capigliature complesse e alto trucco visivo, anche se il modo di pronunciarsi, monocorde e a tinte fosche, è sempre lo stesso.

Perde irrimediabilmente il sopracciglio sinistro a causa di continuo e prolugato uso di una colla speciale, che gli serviva per far apparire il proprio sguardo a modello orientale.

Nel 1958 fonda una propria casa di distribuzione, la Lanturn Productions che interagisce con la Universal e nel 1966 forma lo studios indipendente Eltee Productions.

Scritturata da Otto Preminger per Anatomia di un omicidio (1959), trova l'opposizione di James Stewart che non la voleva assolutamente. Al suo posto fu scelta Lee Remick.

Nella metà degli anni '60, dopo prove opache, passa alla televisione intervenendo in alcuni serial di successo come "The Survivors" e soprattutto, negli anni '80, "Falcon Crest", dove è presente in 5 dei 6 episodi totali.

Nel 1971, attraverso la Shady Grove Music Fair debutta in teatro, a Bethesda nel Maryland, attraverso la rappresentazione di '40 Carats' che ripeterà in tour a New York e in giro per la Pennsylvania.

Come ha accompagnato i suoi personaggi sullo schermo, alla stessa maniera si è espressa nella realtà. In una vita di eccessi e poco raccomandabili frequentazioni. Nel 1958 la svolta negativa, che la condiziona pesantemente per il resto della carriera. Nella sua villa, la figlia Cheryl uccide per legittima difesa il gangster Johnny Stompanato, amante della madre. La Turner piomba in uno stato di depressione che la costringe ad annullare molti contratti per film già in essere.

A lei attribuiti un numero praticamente infinito di flirt e relazioni, spesso consumati durante i matrimoni. Tra i suoi 'amori' si registrano nomi illustri: Frank Sinatra, Tyrone Power, Cary Grant, Victor Mature, il produttore Robert Evans, i playboy brasiliani Fernando Lamas (che si invaghì anche della figlia Cheryl) e Jorge Guinle, il gangster Johnny Stompanato, il famoso boxeur di colore Joe Louis, il popolare anchorman televisivo Judge Wapner, lo stilista Oleg Cassini e il magnate Howard Hughes. A questi, probabilmente da aggiungere una nutrita schiera di persone non famose.

Pubblicato nel 1988, dalla figlia Cheryl Crane, un libro biografico sulla madre e su i suoi mariti e amanti, dal titolo "Detour: A Hollywood Story". Su di lei, scritti un numero imprecisato di testi; tra questi, oltre l'autobiografia scritta dalla stessa Turner "Lana: The Memories, the Myths, the Movies", anche un interessante riquadro di Eric Root presente nel volume dal titolo "The Private Diary of My Life With Lana".

Muore di cancro a 75 anni nella sua villa a Century City in California. Cremata per sua volontà con ceneri conservate nella tomba di famiglia.

Esistenza costellata da un incredibile numero di matrimoni, tutti culminati da divorzi e un annullamento: ben 8. nell'ordine progressivo, con il musicista Artie Shaw, poi con l'attore Stephen Crane (due matrimoni con annullamento e divorzio - una figlia, Cheryl) e in seguito con Henry J. Bob, l'attore 'muscolare' Lex Barker (sviene durante il matrimonio), Fred May, Robert Eaton e Ronald Dante.

Ha detto: - "In gioventù, prevedevo un marito e sette figli; ma la realtà si è mostrata stranamente ed esattamente al contrario".

Frase irriverente: - "Non è un'attrice, ma una sgualdrina" (Gloria Swanson).




La sua migliore interpretazione
Lo specchio della vita
Il suo film più famoso
Il postino suona sempre due volte
La sua peggiore performance
Il figliol prodigo








NOMINATION ALL'OSCAR
I peccatori di Peyton










comments powered by Disqus


Top Star - Home